Adoratrice di colori, amante di pois, assidua bevitrice di caffe`, fanatica di dolci, felice viaggiatrice , ho vissuto per 9 mesi in Germania come AuPair, 4 anni a Bologna, ha finito il suo primo anno come Au Pair di 3 maschietti a Seattle ed ora si trova a Fairfax Virginia per una nuova esperinza alla pari !

mercoledì 24 agosto 2016

Casa dolce casa - Essere Au Pair vuol dire essere adattabili

Circa un mese fa mi sono trasferita in una nuova casa a poche miglia dalla precende, perché la mia host-family ha deciso di divorziare durante il mio anno alla pari ed ora vivo solo con la mia host-mom e le bimbe che fanno 3 giorni con la mamma e 2 con il papà, io naturalmente lavoro sempre perché di giorno sono sempre con me. 
Mi rendo conto che questa casa sembra gigante e credo che decisamenete lo sia per lo standar Italiano medio ma invece qui è stato un trauma trasfermici, mi sono resa conto di essermi abbituata troppo a case giganti ed ora nella nuova abbiamo solo 4 stanze da letto e la mia si trova al piano superiore vicino alla bambine, non ho più nemmeno il bagno in camera ma devo uscire nel corridoio. 
Fortunatamente mi sento molto a mio agio con la famiglia visto che sono parecchi mesi che sto con loro e sono veramente alla mano, ma essendo sullo stesso piano di tutti ora non ho più privacy, le bimbe mi bussano alla porta e vengono spesso in camera, non posso più fare la doccia la sera tardi perché il mio bagno confina con il muro della bambina piccola o mettere musica ad alto volume. Credevo fosse più stressante ma invece mi sono adattata abbastanza, o magari è solo perché passo la maggior parte delle serate fuori ora, chi lo sa, ma una cosa è sicura, io vi sconsiglio assolutamente un'anno alla pari con una sistemazione così! 
Essere adattabili è il requisito più importante per un'esperienza all'estero, cibo , orari, pulizia, abituati etc... ma mai scegliere una famiglia ospitante che vi propone la vostra camera da letto vicino agli host-kids e magari il bagno condiviso è troppo snervante ed impegnativo.